Home
Novità
I modelli
 
 
 
 
 
 
  MISS STIK, direttamente dagli USA

LUGLIO 2005

Ciao a tutti cari amici. Eccomi con un nuovo modello non mio.

Non mi è molto facile, in questo momento certo non felice per ciò che accade nel mondo (attentati continui), raccontarvi di cose più futili quali il nostro hobby, comunque la vita continua e i modelli sono una occasione per darci momenti di spensieratezza dimenticando per qualche istante le disgrazie.

Dopo più di un anno dall'acquisto ho finalmente montato il Miss Stik che stava ammuffendo nella scatola di montaggio ed era desideroso di uscirne! All'apertura di essa mi sono trovato (come già successo col Piper cub) di fronte a una scatola di premontaggio, piena di listellini, un bel disegno e un pezzo di compensato fustellato con le ordinate della fusoliera. Le istruzioni su carta fotocopiata rigorosamente in inglese (lingua a me poco accessibile) che pertanto non mi sono servite a nulla. Ho dovuto aprire il disegno e cominciare a ragionare come montare il tutto. La curiosità maggiore è venuta dalla struttura dell'ala fatta da listelli senza le tradizionali centine al punto da formare un profilo piano convesso squadrato (capirete meglio vedendo le foto) che però pare fare il suo dovere per bene. In questo modo secondo me la costruzione è stata resa più semplice e poco critica nel montaggio. Per montare l'ala e la fusoliera ho utilizzato ciano e vinavil, il primo per posizionare il pezzo ed il secondo per dargli la giusta robustezza. Devo dire che anche la fusoliera è curiosa. Non è la solita scatola rettangolare, neppure un garbuglio di listelli ma è costruita in due parti, come due gusci che poi vengono messi insieme. Anche qui capirete meglio con le foto. Nella scatola manca tutta la finitura; ricopertura, ruote, rinvii dei comandi, cerniere, parte di acetato per la capotina. Vi è solo il musetto preformato e l'acciaio per il carrello quindi coraggio, se qualcuno volesse farlo sappia che deve mettere in preventivo tutti gli accessori. A differenza di quanto indicato nei disegni io ho utilizzato come servocomandi gli HS55 (vanno bene anche quelli simili) una ricevente micro a 5 canali, lo speed 400 da 7,2V con riduzione 3,5:1 ed elica slow fly 11X7

Ecco ora la carrellata di foto con commenti che potrebbe tornarvi utile nel caso qualcuno si volesse cimentare nella costruzione. E' comunque un utile esempio di come si monta un modello di balsa. Certo che il tempo necessario alla costruzione non è poco e soprattutto bisogna armarsi di una buona dose di pazienza.

Ecco la scatola di premontaggio

Questo è ciò che si vede una volta aperta!!!

e questo è il disegno, devo dire ben fatto.

Si comincia il montaggio attaccando su di un piano il disegno e cominciando a tagliare i listelli

I listelli vengono posizionati e incollati

Aggiungiamo il bordo di entrata

Aggiungiamo la parte superiore di questa centina particolare

Ed ora il longherone che serve a creare uno pseudoprofilo

Questa è una delle due estremità alari

Qui si vede bene come è la centina

L'ala completata

Cominciamo con la fusoliera

Questa è il guscio superiore

E' bene costruire con calma per ottenere una struttura robusta

Questo è il guscio inferiore

Notare i particolari della parte inferiore

Ed ecco i due semigusci completati

Quì li vediamo lateralmente

Ed ora li mettiamo insieme

Aggiungiamo i timoni di profondità costruiti in modo tradizionale

La struttura della fusoliera col carrello è terminata

Ed ecco il modello prima di essere ricoperto

Qua dopo la ricopertura. Che ne dite ?

Una diversa vista

Particolare della capotina

Vista laterale

Qualche decalcomania

Vista completa

Vista anteriore

Spero di essere stato abbastanza chiaro. Di seguito la scheda tecnica e quindi la prova di volo.

Scheda tecnica  
Nome Miss Stik
Apertura alare 142cm
Lunghezza 94cm
Superficie alare dm2
Profilo Piano convesso squadrato
Corda alare 22cm
Peso 470g senza batterie
Sistema Due assi (timoni di profondità)
servocomandi due HS55 o simili
Motore Speed 400 da 7,2V
Riduttore 3,5:1
Elica 11X7
Batterie 8 celle Ni-Mi
Ricevente almeno tre canali
Regolatore giri sopra gli 8 Ampére

Eccoci qua per la prova. Dopo le operazioni preliminari (controllo collegamenti elettrici, controllo movimento timoni etc.) si decolla lanciando il modello poichè non dispongo di una pista. Un po' di suspance all'inizio perchè il motore non è molto potente pertanto bisogna fare attenzione a prendere quota dolcemente. Il volo è lento ma stabile e una volta sistemati i trim provo qualche virata. La risposta è buona, il volo dolce. E' un modello adatto a chi vuole cominciare a volare. Perdona gli errori rimettendosi correttamente in piano. Una volta in quota si resta in aria con gas a metà corsa. L'autonomia con 8 celle Ni-Mh è di quasi 10 minuti, pertanto sufficienti a stancarsi. Ho preparato un video girato in modo un po' rocambolesco, cioè da solo con in mano la radio!!!! Eccolo, basta cliccarci. Funziona col quik time

Video

e qui due foto al campo volo. Al prossimo modello e buoni voli a tutti.

 

DICEMBRE 2005

Ho apportato alcune modifiche alla motorizzazione perchè  lo speed 400 faticava non poco soprattutto nella fase di decollo. Ho optato per un brushless "cinese". L'elica è una 10X4,7. Devo dire che con questa motorizzazione il modello guadagna molto in sicurezza di volo restando comunque molto stabile. Sono sufficienti 7 celle. Si guadagna così ulteriore peso. Ho dovuto stare molto attento alla posizione del motore montandolo con un paio di gradi verso il basso e verso destra (guardando dalla coda) perché se no dando gas il modello non rimaneva in linea ma cabrava e tirava verso sinistra. Ho così imparato quanto sia importante la posizione del motore per avere una erogazione regolare della potenza senza fare variare l'assetto del modello. Questa è la foto del motore che ho utilizzato in abbinamento ad un regolatore da 15 Ampère.

Ed ecco ora alcune fotografie scattate in volo.

E qui alcuni filmati, questa volta in formato windows media player

Decollo a mano, decollo da terra, atterraggio

Buona visione a tutti